Ancora oggi, nonostante l'era digitale in cui viviamo, è largo l'utilizzo di cartelle sospese, soprattutto in ambito sanitario e legale.

Nel primo caso sono molto usate per archiviare e catalogare in ordine alfabetico le cartelle cliniche dei pazienti, mentre nel secondo caso per archiviare pratiche in base al numero.

Vista la loro utilità, è doveroso andare a fornirvi una guida che vi aiuti a scegliere le cartelle sospese adatte al vostro schedario o al vostro archivio.

 

Indice

 

Quale tipo di cartella sospesa è adatta al mio schedario?

Cartelle sospese misure

Cartelle sospese per cassetti o per armadio?

Forma delle cartelle sospese

Materiali con cui sono prodotte

Accessori per cartelle sospese

Sistema di collegamento in continuo tra le cartelle sospese

Aste di sospensione

Sistema di fissaggio alle aste di sospensione

Cartelle sospese ecologiche

 

Quale tipo di cartella sospesa è adatta al mio schedario?

Le cartelle sospese per schedari non sono tutte uguali. Esse si differenziano infatti per destinazione, dimensioni e materiali.

Vediamo allora quali sono le loro caratteristiche per capire quale è idonea all’utilizzo che dobbiamo farne.

LE CARTELLE SOSPESE DI LOVEOFFICE

Cartelle sospese misure

Le dimensioni delle cartelle sospese sono principalmente 2. Tuttavia, come vedremo, ne esistono anche di formati speciali, adatte per l’utilizzo con particolari tipi di cassetto. Premessa nessaria pima di affrontare questo argomento, è che con il termine "interasse" si viole indicare la distanza tra i due ganci di scorrimento della cartella.

  • Cartelle sospese interasse 33 cm. Questo tipo di cartella sospesa ha un interasse utilizzato sia per l’inserimento in cassetti classificatori che in armadi archivio.
  • Cartelle sospese 39 cm. Questo tipo di misura viene utilizzata esclusivamente per l’utilizzo con cassetti.
  • Cartelle sospese per cassetto Olivetti. Si tratta della dimensione speciale di cartelle sospese di cui parlavamo sopra. Queste cartelle hanno la particolarità di avere un interasse leggermente maggiore rispetto a quello delle comuni cartelle sospese per cassetto, così da poter essere utilizzate con il vecchio schedario Olivetti.
  • Cartelle sospese per armadi speciali con interasse 20,5 cm. La differenza in questo tipo di cartelle sta nella posizione dei ganci di scorrimento. Mentre nelle cartelle sospese classiche questi si trovana lateralmente, nelle cartelle sospese con agganci speciali questi si trovano superiormente, così da produrre un interasse di 20,5 cm. Ne sono un esempio le cartelle sospese Bertesi con ganci speciali.

     

     

 

Cartelle sospese per cassetti o per armadio?

Che si tratti di cartelle sospese per armadio con interasse 39 cm o con interasse 33 cm, questa tipologia di cartelle sospese ha il portaetichetta o l'etichetta stessa poste lateralmente, così da da essere leggibili quando ci troviamo di fronte a loro. 

Le cartelle sospese da cassetto, invece, hanno l'etichetta posta sul margine superiore della cartella, così da permetetre la sua lettura scorrendole dall'alto.

Forma delle cartelle sospese

  • Cartelle sospese fondo a U le cartelle sospese con fondo a U hanno la parte terminale della cartella più ampia e rinforzata, così da poter inserire un maggior numero di fogli senza che il fondo del cartoncino si strappi o si usuri
  • Cartelle sospese fondo a V questo tipo di cartella sospesa può contenere un numero minore di documenti rispetto alla precedente, per questo non necessita di un fondo rinforzato

 

Materiali con cui sono prodotte

    • Cartelle sospese in cartoncino. Si tratta delle più comuni cartelle sospese: quelle realizzate in cartoncino rigido. Il suo grado di rigidità è proporzionale alla grammatura del cartoncino del quel è costituita, che varia solitamente da 201 a 170
    • Cartelle sospese in plastica. Sebbene le più comuni siano in cartoncino avana o arancio, esistono anche cartelle sospese in polipropilene, per sua natura ancora più resistente del cartoncino ad alto spessore.

Accessori per cartelle sospese

Le cartelle sospese possono avere particolari accessori integrati, vediamone tre esempi.

  • Cartelle sospese con cavalierino. In questo caso la cartella è dotata di una etichetta, solitamente in PVC, scrivibile e cancellabile.
  • Cartelle sospese con portaetichetta lenticolare, per una più semplice lettura dell’etichetta.
  • Con porta etichette orientabile in più posizioni, così da rendere leggibile la classificazione da diverse prospettive.

 

Sistema di collegamento in continuo tra le cartelle sospese

Talvolta le cartelle sospese possono essere tra loro ancorate in modo tale da evitare l’accidentale caduta delle cartelle con conseguente perdita dei documenti.

Per un’archiviazione sicura è quindi preferibile scegliere cartelle sospese dotate di sistema di collegamento in continuo a incastro o tramite bottoni a pressione.

Aste di sospensione

  • In plastica (solitamente polistirene) antiurto;
  • In acciaio. I questo caso può trattarsi di filo d’acciaio armonico o di una barretta piatta in acciaio indeformabile

Nel caso in cui la barra di sospensione sia in metallo, è utile verificare che i ganci di scorrimento siano comunque rivestiti in plastica, per uno scorrimento più fluido delle cartelle.

 

Sistema di fissaggio alle aste di sospensione

Le cartelle sospese spesso cedono al peso del loro contenuto a causa del venire meno del sistema di ancoraggio del cartoncino all’asta di sospensione. Per questo si dovrebbe sempre controllare che le il cartoncino sia fissato alle aste tramite robusti rivetti metallici.

  

Cartelle sospese ecologiche

Le cartelle sospese ecofriendly non solo sono prodotte con cartoncino ecologico o riciclato, ma sono spesso dotate anche di aste di sospensione realizzate in plastica completamente rigenerata.